COMICS IN PILLS. Puntata#5: SHAOLIN COWBOY VOLUME 1(un articolo di Stefano D i Giuseppe)

SHAOLIN COWBOY :La vendetta di Re Granchio e Mr. Eccellente

I fumetti sono violenti, diseducativi, pieni di sangue, nudità, parolacce e armi. Questa che potrebbe essere considerata la descrizione tipo di un fumetto fino a…… oggi ha fatto sempre storcere il naso a tutti gli amanti dei comics , soprattutto per quelli che seguono i fumetti un po’ più impegnati e seri. Queste persone ogni giorno si battono su internet , in radio e delle volte (molto rare )anche in tv per difendere e dare dignità ai nostri albi preferiti ,elevandoli dalla condizione di carta straccia a cui troppo spesso sono accomunati. Bene, detto questo, se avete voglia di leggere un fumetto serio che vi faccia riflettere, forse per voi è meglio evitare  Shaolin Cowboy di Geof Darrow  ,edito da Burlyman Entertainment e Dark Horse e distribuito in Italia da Panini.

WP_20160131_10_42_03_Pro

Trama: Ci troviamo nel deserto ed un tizio cinese , grosso e grasso cavalca un mulo (troppo) parlante che fa battute politicamente scorrette su tutto. La loro traversata nel deserto procede tranquilla quando un gruppo di assassini , predoni , perdigiorno e persone a caso si mettono tra lo Shaolin Cowboy e la sua meta. Ah quasi dimenticavo ,il cinese vestito da cowboy ha il grilletto facile e la violenza strariperà dalle vignetta da ora fino alla fine del fumetto . Una storia irriverente e scanzonata che porta un po’ di gore gratuito nel mondo del fumetto mainstream.

shaolin_art_print

Cosa ci piace: Shaolin Cowboy è un fumetto che punta tutto sull’impatto grafico , le vignette infatti oltre ad essere meravigliosamente colorate sono piene di dettagli che strapperanno almeno un sorriso a tutti i lettori più smaliziati e navigati dei fumetti. Altra nota di merito è il forte impatto gore e splatter che risulta ben accompagnati dai monologhi marginali del mulo che lasceranno agli amanti del gore tutta la possibilità di ammirare le tavole mai coperte dai balloon o dalle didascalie.

shaolin-cowboy-bd

Cosa non ci piace: Se da un lato troviamo un fumetto dal grande impatto grafico non aspettatevi una storia incredibile, questa infatti si trasformerà sempre di più in una semplice giustificazione ,volutamente non troppo costruita, per far vedere lo Shaolin Cowboy fare a pezzi i suoi nemici. Altra piccola nota di demerito invece va ai balloon dei dialoghi, spesso sono troppo radi e confusionari nelle vignette più concitate per lasciare spazio all’immagine.

Valutazione: Shaolin Cowboy è un discreto signor fumetto nato dalla mente malata del pluripremiato Geof Darrow  ed consigliato ad un pubblico di veri amanti del gore ,che più di tutti  saranno in grado di apprezzare al massimo questo fumetto. Il  voto  è di 7,5 su 10 considerando i disegni incredibili accompagnati da una storia volutamente non troppo sviluppata ed un prezzo di 15,00 € per 176 pagine di vignette violente che collocano questo fumetto nella categoria Passengers.

Considerazioni personali: SPOILERALLERT!!! Attenzione le considerazioni personali posso contenere commenti e pensieri riguardanti il fumetto trattato che potrebbero rovinare la vostra lettura ,siete stati avvisati. Un po’ di delusione questo è tutto quello che provo quando penso a Shaolin Cowboy , per carità la storia con il granchio e simpatica ma cavolo sono 176 pagine Darrow avrebbe potuto aggiungerci anche altro. Questo è un fumetto per gli amanti del gore fetish della domenica e superate le prime 80 pagine l’unico motivo per cui sono arrivato alla fine è per leggere le battute del mulo , che veramente sembra un personaggio profondo in una storia così . Sinceramente , a costo di essere ripetitivo, Darrow mi ha deluso un po’ .Se avesse avuto 136 pagine di meno e non fosse il primo volume di una trilogia forse sarebbe potuto diventare uno dei miei fumetti preferiti .Ma la violenza gratuita ed ingiustificata non sempre paga , a volte gli americani dovrebbero avere un po’ più di senso della misura, ma solo ogni tanto.    tumblr_inline_nfzxydXc681qit1sr

Precedente "Eravamo io, Dean e Carlo Marx. Avevamo finito la benzina, i soldi e non sapevamo in che parte del mondo eravamo. Non ci siamo mai sentiti così vivi". Jack Kerouac: l'America (e la vita) raccontata "Sulla Strada" (di Alessandro Di Giuseppe) Successivo "...Il Re Lucertola dorme nella stanza numero cinque!" Poesia, spie, sangue, estati indiane e principesse dell'autostrada: ecco cosa sono i The Doors (di Alessandro Di Giuseppe)