COMICS IN PILLS. Puntata#6 :NERD UNITI!(un articolo di Stefano D i Giuseppe)

NERD UNITI!

E con questa sesta puntata la rubrica COMICS IN PILLS compie un mese!Yeeeeeh. Bene ,adesso che abbiamo condiviso questo momento di felicità torniamo a parlare di cose “serie”. Avete presente il periodo in cui andava tanto di moda Big Bang Theory, tutti volevano essere nerd e le ragazzine si facevano le foto su facebook “indossando” occhiali a lente neutra per fare le alternative? Sì quella moda durata fino all’anno scorso ma che oggi non si caga più nessuno . Ma se siete nostalgici di quel periodo in cui tutti urlavano Bazinga per strada e i “nerd” andavano di moda ecco per voi NERD UNITI! scritto da Roberto Cirincione e Michele Monteleone e disegnato da Carlo Alberto Fiaschi  ed edito dall’ italiana Villain Comics.

521763_559234950782908_516652134_n

Trama: Thwip e Fat sono 2 nerd che lavorano come commessi in una fumetteria. Quando un uomo dotato di poteri e senza memoria  precipita dallo spazio davanti al loro negozio , i due decidono di diventare i mentori di un supereroe , in un mondo dove gli eroi non esistono e sono il frutto della fantasia .nerd-uniti-1-monteleone-cirincione-fiaschi-L-WFNXf4

Cosa ci piace: La Villain comics è italiana e in un mondo dove il mercato del fumetto sembra soggiogato dalle produzioni estere vedere qualche italiano che si mette in gioco non fa mai male. I disegni di Fiaschi sono veramente belli, valorizzano il fumetto con una bravura tutta italiana nell’ approccio con le tavole.

Cosa non ci piace: Purtroppo il classico stile italiano si sente anche nella storia e questa volta non si tratta di un pregio. Quante volte siete andati a vedere un film italiano che cerca di riprendere i format americani ma non ci riesce? Quante volte avete visto cielo , real time o uno a caso di quei programmi della televisione che mostrano le versioni italiane dei programmi americani? Bene Nerd uniti è un misto di queste due tendenze tipicamente italiche , la storia cerca di mischiare al suo interno la “simpatia semplificata” di The Big Bang Theroy tradotto con un classico fumetto sui supereroi.

NWAV_shop01

Valutazione: Se avete amato the big bang theroy doppiato in italiano e se non vi dispiacciono le battute semplici che tendono a sfottere i “nerd” ,allora questo è il fumetto che fa per voi . Se invece siete grandi lettori di Miller ,Moore ,Mignola ,Bonelli e tutti gli altri grandi del fumetto impegnato o meno e se vi cascano i testicoli davanti alle battutine stereotipate sui nerd ,evitatelo. Voto 6 politico in quando sui connazionali non si può sparare mai veramente a zero e perché Fiaschi fa un ottimo lavoro ai disegni. Il prezzo del fumetto ,che si aggira intorno ai 5 euro, fa entrare Nerd Uniti nella categoria Low Cost.

BLOG Cover 150 DPI

Considerazioni personali: Il problema di recensire negativamente un fumetto di una piccola etichetta indipendente è quello di essere querelato da quest’ultima.Quindi l’ultimo proiettile ,o caricatore decidete voi ,che spenderò sull’ argomento sta nel fatto che poco più di 10 anni fa dalle scuole del fumetto uscivano artisti alla Video Inferno (di cui potete trovare la recensione qui:http://synapsisblog.altervista.org/comics-in-pills-puntata3video-inferno-una-recensione-di-stefano-di-giuseppe/) oggi dalle scuole del fumetto escono sti tipi qua. Non prendete questa affermazione come una critica diretta alla sola Villian ,che anzi tra i suoi fumetti ha robe molto belle ,il link del sito lo trovate a fine articolo. Ma è una critica a tutta la tendenza italiana che vuole imitare i fumetti americani. Ma porco Zeus l’ambito dei fumetti è forse uno dei pochi ambienti in cui l’Italia non teme e non deve temere nessuno, e noi esterofili coglioni che facciamo? Facciamo i fumetti cercando di imitare gli americani e non ci riusciamo perchè? Perché non siamo americani siamo italiani non pensiamo come loro , non la vediamo come loro, siamo diversi da loro! Poi però le persone si lamentano che le storie finiscono sempre per assomigliarsi perché non si inventano mai qualcosa di nuovo e via dicendo. A mio modesto parere bisognerebbe smettere di scimmiottare l’estero ed incominciare a tirare  fuori giusto un po’ d’orgoglio nazionale, poi però se scrivi un fumetto originale dove non rispetti i canoni nessuno te lo pubblica perché nessuno investe  e ti ritrovi con il culo per terra. Forse è arrivato veramente il momento di supportare questi ragazzi che riescono a fare qualcosa.VC_logo_arancio

Supporta la Villain comics : http://villaincentral.blogspot.it/

 

 

Precedente Pornopolis#2 IRON MAN L'UTENTE MEDIO DEI SOCIAL (un articolo di Stefano Di Giuseppe) Successivo David Sylvian e le magiche "imperfezioni" sonore (di Alessandro Di Giuseppe)