Pornopolis #13 PENSIERO DEBOLE( un articolo di Stefano Di Giuseppe)

Se circolassero ancora i bestiari come nel Medioevo molto probabilmente insieme ad animali e a creature fantastiche come il Behemot (non la band metal) e il Leviatano troveremo il “PENSIERO DEBOLE”. Adesso quelli che sanno cosa sia un bestiario o che hanno letto almeno una volta  Zygmunt Bauman si staranno chiedendo cosa cavolo c’entrino queste due cose. Beh immaginate di essere nel Medioevo ,fatto? Bene , adesso immaginate di dover cercare una strana bestia ceh si chiama Pensiero Debole e trovate un bestiario perché Wikipedia non sarà disponibile prima di un millennio abbondante , fatto? Bene , adesso andate all’indice e cercate la bestia che vi serve.1451504427_675885_1451510007_sumario_normal

Come in ogni bestiario che si rispetti definiamo un attimo quello che è il Pensiero Debole. Con questo termine intendo riferirmi a tutte quelle forme di pensiero che ,in un modo o in un altro, si impongono in determinati ambienti senza una vera e propria argomentazione sfruttando l’ignoranza e lo stereotipo. Un esempio di questo si può ritrovare all’interno dell’ambiente scolastico  quando per esempio tra compagni esce il discorso delle droghe finendo sempre alla solita conclusione dove ognuno e responsabile di se stesso e tanti saluti oppure nelle discussioni su internet dove non importa quanto siano valide le vostre ragioni ma se non vi piacciono i gattini siete  delle brutte persone.drago

Molto bene adesso che sappiamo cos’è il Pensiero Debole parliamo di dove questo si manifesta. Come è facilmente intuibile dagli esempi precedenti questo pensiero tende a manifestarsi all’interno di ambienti reali o virtuali dove possiamo trovare un numero molto ampio di individuo , molto spesso sconosciuti, con cui interagire. Tuttavia il Pensiero Debole si manifesta in realtà anche all’interno di gruppo di persone molto più ristretti e famigliari come i vostri compagni di bevute o i vostri stessi amici , in questi casi si assiste ad un tipo differente di Pensiero Debole in quanto decisamente più complesso e basati su altri standard oltre che sul quieto vivere , ad esempio un gruppo di fanatici del calcio parlerà di determinati argomenti in un determinato modo seguendo determinati standard . Tuttavia il Pensiero Debole interessa anche le relazioni interpersonali tra due individui , in questo caso assisteremo a conclusioni e modi di affrontare  argomenti molto più personali e meno standardizzati , ma questo è solo apparente in quanto tra i due individui si verrà a creare un nuovo modo di comunicare che segue determinati standard senza i quali la comunicazione non potrebbe avvenire. Ma il Pensiero Debole non riguarda soltanto i rapporti tra individui ma può riguardare l’individuo stesso non solo se il suo pensiero tende a coincidere ,più o meno, con quello delle persone che frequenta ma anche    se il suo pensiero si basa unicamente nel contraddire il Pensiero Debole più diffuso e gli haters sono un esempio di ciò.

Speaker Giving a Talk at Business Meeting. Audience in the conference hall. Business and Entrepreneurship.

Arrivati a questo punto vi aspetterete anche una definizione di quello che è il Pensiero Forte ma in realtà questo non esiste veramente . Come si può capire da quanto detto prima esistono più varianti del Pensiero Debole ma questo principalmente perché tendiamo naturalmente ad essere influenzati dalle nostre interazioni con gli altri ma più in generale con l’esterno , un pensiero per così dire “FORTE” dovrebbe essere un pensiero che non si lascia influenzare dall’esterno , ma ciò non presuppone che un Pensiero Forte sia necessariamente un pensiero giusto o buono tanto meno utile ,ma affrontando questo tipo di argomento non finiremmo più quindi arriviamo all’ultimo punto dell’articolo.stock-vector-fight-fighter-muay-thai-boxing-karate-taekwondo-wrestling-kick-punch-grab-throw-people-icon-sign-86172775

Come ci si comporto davanti il Pensiero Debole? Bene per tonare ad essere un po’più pratici quando ci ritroviamo davanti a situazioni dove il nostro pensiero non è in linea con quello degli altri possiamo adottare tre tipi di atteggiamento diverso: il primo consiste nel classico metodo dell’estraneo ,che usa questo modo di agire aiutato dal suo fido cellulare può rimanere comodamente ai margini delle conversazioni rischiando però di diventare una sottospecie di monolito inutile da scarrozzare. Il secondo modo di porsi è invece quello del combattente ,chi rientra in questa categoria invece ha molti più contatti con il gruppo di individui anche se si trova in disaccordo e non si fa problemi ad esporre il suo disappunto ,questo atteggiamento se da un lato vi permette di continuare ad avere una certa indipendenza dagli altri vi farà passare molto spesso come il tipo con cui parlare quando si vuole litigare o il tipo da far arrabbiare per divertirsi , in questi casi risulta molto utile non prendersi troppo sul serio. L’ultimo modo in cui ci si può porre invece davanti questo tipo di situazioni è quello del Dominatore , le persone che rientrano in questa categoria sono spesso solo in leggero disaccordo con il gruppo in questione e riesce a farsi ben voler grazie anche al temperamento del combattente aiutato da mezzi esterni (ogni riferimento a denaro e posizioni altolocate in società è puramente casuale) .Se siete intenzionati ad imporvi preparatevi ad essere presi in giro ed evitate discussioni su internet ,ma sopratutto non fatevi smontare dalle “risate del gruppo” .Se può aiutarvi gli adolescenti tendono a scoppiare a ridere quando non sono in grado di argomentare e sono in ansia imitando per certi versi il comportamento delle scimmie che sono solite sorridere in segno di sottomissione (non dite a nessuno che questa cosa vale anche per gli adulti). Bene ,adesso che sapete cos’è il Pensiero Debole, potete chiudere il bestiario e tornare a lavorare nel contado ….oppure no.people-color

 

Precedente "...E se ti chiedessi di fare una cosa per me? La faresti?" Charles Baxter, "Vorrei che facessi una cosa per me": un decalogo moderno tra virtù e vizi (di Alessandro Di Giuseppe) Successivo COMICS IN PILLS. PUNTATA #17 MARVEL UNIVERSE VS THE PUNISHER (un articolo di Stefano Di Giuseppe)