Sfumature pt. 2 (di Giada Corneli)

(…) Fece un giro.
Forse era stato un po’troppo aggressivo con Stefano: quando aveva iniziato a sputava in faccia alla gente? Era sempre stato un tipo pacifico, quel gesto non era proprio da lui.
“Appena si riprende, se si riprende, gli chiedo scusa. Oddio, probabilmente, se continua a stonarsi così, non servirà”
Decise di fermarsi un po’ accanto al fuoco.
“Ali, se ci fossi tu, questa serata sarebbe completamente diversa”.
Fu un pensiero quasi involontario, Luca ne fu abbastanza sorpreso.
Ali?Da quanto tempo non pronunciava quel nomignolo?
Otto mesi.
Si sentì più malinconico che mai.
Aveva ragione Stefano: da quando lei lo aveva lasciato, niente era più come prima. Aveva puntato tutto su quella relazione e, da quando era finita, non riusciva a darsi pace.
“Perché sei andata via? Ho sbagliato qualcosa? Ti sei innamorata di un altro?“. Domande senza risposta, come tutti i messaggi che aveva provato a mandarle dopo che si erano lasciati.
Sospirò. Si accorse di tremare per il freddo e decise di andare a bere qualcosa per riscaldarsi.
Si alzò, stringendosi nella felpa.
“Ma.. cosa?”
Sulla spiaggia non c’era nessuno.
Immerso nei suoi pensieri, non era reso conto che attorno a lui si era creato il silenzio.
“Ma dove sono finiti tutti?”.
Fece per chiamare Stefano, ma si bloccò, rimanendo attonito davanti allo spettacolo che aveva davanti.
Qualcosa di strano stava accadendo…

Precedente Pornopolis #19 TOP 3 COSE CHE LEI FA MA NON TI DIRÀ MAI IL PERCHÉ (un articolo di Stefano Di Giuseppe) Successivo "...Ringraziamo il Signore per la fine del nostro digiuno!". "We are what we are": un gioiellino per pochi eletti (di Alessandro Di Giuseppe)