COMICS IN PILLS . PUNTATA#10 JLA L’ULTIMO SUPERUOMO (un articolo di Stefano Di Giuseppe)

JLA L’ULTIMO SUPERUOMO

Hey hey hey ! Siamo alla decima puntata di Comics in Pills e per festeggiare sapete cosa faremo? Assolutamente niente yeeeeeh! Ma bando alle ciance ed iniziamo con questa nuova recensione. Molti di voi conosceranno cosa sono gli universi alternativi nei fumetti, interi universi narrativi molto spesso nati dalla fatidica domanda “cosa sarebbe successo se …?”.Le domande di questo tipo sono state tante e le risposte editoriali delle case editrici hanno cercato di accontentare negli anni  ,più o meno , le richieste sempre crescenti dei fan. Quindi, se vi piacciono gli universi alternativi e non vi dispiacciono i film con un’ impostazione da B-movie, soprattutto se si può vedere qualche bella pin-up, allora forse dovreste dare un’occhiata a JLA L’ultimo superuomo scritto da Fabian Nicieza ,disegnato da Kevin Maguire, edito da Dc Comics e distribuito in Italia da Lion.

WP_20160306_11_43_41_Pro

Trama: Un morbo improvviso colpisce la terra sterminando l’intera popolazione maschile eccetto Spuer Man , cosa succederà alla Terra ora che l’intero ordine mondiale è allo sbando? Riusciranno i rimanenti membri della JLA a ricostruire una civiltà di sole donne guidate dalla regina delle amazzoni Wonder Woman? Perché Superman non è morto ? Come si ricreerà una nuova popolazione maschile ? Chi si muova nell’ombra di questa tragedia ? Questo è molto altro in JLA L’ultimo superuomo.WP_20160306_11_46_04_Pro

Cosa ci piace :Il fumetto presenta un ottimo ritmo nella parte inziale che lo rende molto travolgente e spinge il lettore a continuare nella lettura. In più ,lato non meno importante, le matite di Maguire sanno rendere “giustizia” alle supereroine dalla Justice League.WP_20160306_11_47_34_Pro

Cosa non ci piace : Essendo un fumetto alla “What if…?” non ci si può sbilanciare più di tanto nella critica o nell’elogio dell’albo ,forse gli unici due aspetti che si potevano migliorare nel fumetto sono il ritmo decisamente lento nella seconda parte e i colpi di scena un po’ troppo telefonati ,senza contare l’immancabile femminismo su cui si basa la storia e le battute dei personaggi che lasciano il tempo che trovano.WP_20160306_11_46_24_Pro

Valutazione: Come universo alternativo che dovrebbe rispondere alla domanda “cosa potrebbe succedere se tutti gli uomini morissero e rimanesse solo Superman come unico rappresentate del sesso maschile sulla Terra?” si poteva fare di meglio , anche se  è lodevole il fatto che la Dc abbia deciso di andare  in contro più ad un pubblico femminile invece di accontentare i maschietti per l’ennesima volta. Voto 6.5 su 10 considerando anche il fatto che il prezzo del fumetto è di 11,95 € che lo fa entrare nella categoria Passengers.

Considerazioni personali :SPOILERALLERT!!! Attenzione le considerazioni personali posso contenere commenti e pensieri riguardanti il fumetto trattato che potrebbero rovinare la vostra lettura ,siete stati avvisati. Durante la lettura dell’albo ha pensato tutto il tempo che mancasse qualcosa, mi spiego subito. Verso le prime pagine della storia si può vedere una Wonder Woman ,in tutto il suo splendore, che vola “davanti” al superuomo nei cieli limidi ,poche pagine dopo si assiste invece al quartier generale della Justice League stracolmo di tutte le supereroine del mondo Dc radunate insieme a Superman e così via. Non so voi  ma per me manca “qualcosa”.

Precedente Ghost Dog: il codice del samurai (recensione di Nicola Iannibelli) Successivo "Questo matrimonio s'ha da fare! Cascasse il mondo s'ha da fare!" "Il terremoto particolare di Antonio M.": una recensione (di Alessandro Di Giuseppe)