Pornopolis #4 Manga ed Anime oggi per noi come le commedie Plautine ieri per i Romani(un articolo di Stefano Di Giuseppe)

Manga ed Anime oggi per noi come le commedie Plautine ieri per i Romani

Qualsiasi essere umano che abbia vissuto sul pianete Terra negli ultimi vent’anni, si è potuto accorgere del grandissimo cambiamento di tendenza che ha portato noi consumatori del Nord del mondo a rivolgerci più verso l’oriente invece che scimmiottare l’ormai usurato modella americano. Grazie al cavolo direte voi , e giustamente aggiungerei io, con la delocalizzazione delle industrie che ormai si trovano sparse quasi unicamente in tutto il territorio asiatico è normale  che con la conseguente presa di potere all’interno dei mercati si sia imposta di prepotenza  anche la cultura orientale. Per carità non è una cosa nuova che chi conquisti si imponga lo hanno fatto i romani con la guerra , gli olandese con l’economia e gli americani con la “democrazia”. open_upMa piuttosto che stare qui ad annoiarvi con un discorso di argomento socioeconomico se vi chiedessi di pensare ad un paese orientale a quale paese pensereste? La maggior parte di voi  sicuramente risponderebbe Giappone (seguito da due gruppi più modesti che invece nominerebbero Cina ed India togliendo quell’1% che risponderebbe altro).Ed è proprio di Giappone che vi voglio parlare oggi , più nello specifico dei manga e degli anime. Adesso vi starete chiedendo cosa cavolo centri il discorso economico di prima con questo argomento ma vi spiego subito il collegamento. Se si parla di mercato bisogna parlare anche dei suoi effetti , l’aumentare dell’importanza di un paese al livello economico comporta alcune conseguenze di vario tipo tra cui la diffusione della sua cultura. L’enorme successo ,a livello economico ,di anime e manga non è altro che un effetto di questa diffusione della cultura giapponese all’interno della nostra società.japan_flag_by_think0-d475b7l

Prima di andare avanti però ci terrei a precisare che è questo è un discorso generale che non prende in considerazione il mercato di nicchia ,e non pretendo che i miei giudizi sulle testate che citerò siano presi in considerazione come recensioni o critiche in quanto sono solo esempi. Per dirla in breve non rompete le scatole se non ho parlato come volete voi delle serie che seguite.vv4EeMY

Come avete potuto leggere nel titolo i manga e gli anime si possono definire come i moderni corrispettivi delle commedie di Plauto. Ma perché proprio Plauto? Dovete sapere che questo commediografo godette sia in vita che dopo la sua morte di una grandissima fama grazie alle sue opere, le commedie da lui scritte infatti erano talmente popolari che alla sua scomparsa molti autori minori per fare successo accreditavano le loro opere a lui.  Questo fino a che non arrivò un certo Varrone che disse quali erano sue e quali no (fine della pacchia). Ma perché le sue commedie avevano tanto successo ? maschere2Semplice le sue commedie ebbero successo perché presentavano personaggi tradizionali ma allo stesso tempo interessanti grazie alla loro capacità di utilizzare l’espediente di rompere la quarta parete per rendere partecipe il pubblico delle loro osservazioni irreverenti sulle situazioni all’interno della storia (sì non la fa solo Deadpool sta cosa).Altri due importanti aspetti delle sue commedie furono l’essere al passo con i tempi e il posto dove le rappresentò . Il teatro romano infatti si basava sulla riproposizione continua della vecchia tradizione comica ,con la conseguenza che i romani iniziarono a disinteressarsi al teatro per appassionarsi sempre di più ai giochi gladiatori e alla corsa dei cavalli . Pensate che un altro autore latino, Terenzio, durante una sua rappresentazione vide tutto il suo pubblico alzarsi e andarsene per guardare uno spettacolo di gladiatori. Plauto ebbe invece la brillante idee di sfruttare la ripetitività del teatro romano grazie ad i suoi personaggi che spesso davano voce alle critiche del pubblico sugli oggetti di scena o sugli stessi personaggi stereotipati(aggiungeteci anche il fatto che poi c’era sempre qualche prostituta o vecchio depravato ed eccovi una commedia di Plauto). Tutto ciò poi avveniva a Roma ,che ai tempi era la capitale della grande repubblica romana in piena fase espansionista in tutto il mediterraneo fare successo a Roma significava essere conosciuto da quasi tutto il mondo civilizzato ai tempi. Probabilmente vi starete chiedendo cosa c’entri tutto questo con gli anime e i manga ,ma la verità è che nonostante siano passati più di due millenni e i modi siano diversi il meccanismo non cambia come il risultato. Naturalmente adesso il posto dove si deve “rappresentare” quello che si fa non è più un posto fisico ma virtuale e nella società della grande “interconnessione” e dell’immagine in cui noi viviamo ci sono dei piccolo accorgimenti da fare.matrix-extraterrestrial

I manga e gli anime (come film, libri , videogames ecc) propongono personaggi tipici, in versione (presentando un’introspezione psicologica maggiore ma sempre entro certi limi). Dal semplice eroe con contrasti in stile Disney ,che prima scappa e poi ritorna, Shinji Ikari di Evangelion.images Al personaggio stile Rocky che combatte, perde ,si allena e vince mentre ha mille complessi interiori ,Naruto.NARUTO-uzumaki-naruto-shippuuden-33864752-500-281 O personaggi relativamente nuovi come la loli ,alla buona (ma molto alla buona) bambina quasi adolescente, Misa Amane in Death Note, grazie a questo tipo di personaggio molti uomini oggi trovano più semplice accettare la loro pedofilia latente. Non ci credete ? Cercate su internet allora poi tornate a leggere. In più gli anime ma i manga ancora di più risultano molto più al passo con i tempi del fumetto occidentale . I  nostri amici nipponici infatti hanno capito proprio bene come si lavoro nella moderna società dell’immagine e del commercio e così appena possono (quando non dispongono di un capitale consistente da investire) creano una sola puntata del loro manga ,meglio conosciuta come “OAV”. Ma che ci faccio con una singola puntata di un cartone se poi fermo tutto lì? In realtà questa è una manovra di mercato geniale e vi spiego subito il perché: oggi le persone non leggono e se lo fanno leggono solo cose che  conoscono (in linea di massima),quindi come posso attirare l’attenzione di un “consumatore” di questo tipo? Semplice ,dato che tutti si parcheggiano almeno una volta al giorno davanti lo schermo di un pc o di uno smartphone ,e la maggior parte usa  adblock  per i banner pubblicitari , metto un video possibilmente gratuito e corto ,oltre che molto accattivante, su quello che faccio. Morale della favola? Oggi molti iniziano a leggere manga dopo aver visto l’OAV su facebook, youtube ,VVVVID e simili. Ma i manga e gli anime non sono portati avanti solo dalle strategie di mercato essendo dei prodotti all’avanguardia seguono le regole di internet , e se si seguono queste regole nessuna cosa è veramente famosa finche non ha la sua versione porno.2-2058[1] Considerando che quasi più del 90% di internet è occupato da materiale pornografico o pseudo pornografico (senza considerare l’uso improprio che si può fare di certi siti) non c’è da stupirsi che la pornografia incida sul successo o meno di un prodotto di intrattenimento. Basti pensare al brand Disney degli Incredibili che dopo il film sembrava essere quasi non avere futuro anche per difficoltà oggettive nella creazione di una nuova storia da parte dello stesso autore, e poi dopo anni di buio viene annunciata che un seguito è in lavorazione. Cosa credete sia successo in questi anni di buio? Centinai e centinai di fan hanno riempito il web con milioni di immagine e fumetti pornografici letti e condivisi da altrettanti utenti. Come poteva rimanere indifferente la Disney davanti ad un fandom capace non solo di resistere ma anche di crescere per ben 12 anni senza un sequel.gli-incredibili-una-normale-famiglia-di-supereroi-2004-streaming Considerando il fatto che viviamo ormai in una società dove il telefonino uscito il mese scorso è già qualcosa di datato, se non appartenente al giurassico,  eventi come questi sono da tenere in considerazione. Se invece vogliamo parlare di come il porno riesca ad influenzare anche i brand infantili causandone il flop basta spostarsi in casa Hasbro. La nota casa di giocattoli americana , nonché committente della famosa serie animata My Little Pony, fece uscire di recente un film basato su questa serie che fu ostracizzato dal fandom che accusò la hasbro di aver optato per un desing dei personaggi poco “intrigante”. Forse quindi sarebbe meglio il caso di parlare di clop piuttosto che flop eh? Se avete capito la battuta o state ridendo o avete smesso di leggere a causa dell’indignazione. Ma considerando la legge di internet i manga e gli anime hanno successo? Beh si cavolo, nella maggior parte dei siti porno la sezione anime e manga ha preso rispettivamente il posto di fumetti e cartoni con un’unica parola: hentai .SamplesjhgOrmai questo termine ha quasi sostituito anche la dicitura xxx , gli stessi motori di ricerca hanno eguagliato il più delle volte il tipo di risultati a cui porta questa parola. Internt non è certo una usato da 4 persona ma da milioni di individui e altrettanti account di cui “non si conosce la natura” quindi tirate voi le vostre conclusioni. In definitiva l’intrattenimento giapponese ci sta conquistando lentamente ma inesorabilmente e tutto questo perché la produzione nipponica raggiunge livelli di produzione di tipo industriale che può contare su una distribuzione internazionale in molti casi grazia ad internet e al mercato. Aggiungiamoci anche la crescente esterofilia che imperversa tra i giovani occidentali e dei personaggi facilmente apprezzati dal grande pubblico grazie alle famigliari ambientazioni urbane, o scenari che  mettono in primo piano i sentimenti e i problemi ,spesso, universalmente condivisibili ed ecco che ci troviamo davanti a due tra i migliori prodotti per l’intrattenimento con cui tutti possono potenzialmente approcciarsi. Ma se da un lato assistiamo all’avanzata giapponese e orientale nel fumetto e nei cartoni che cosa sta facendo il fumetto e l’animazione occidentale? Beh vi toccherà aspettare la prossima settimana …

Precedente COMICS IN PILLS. Puntata#8 LOBO N.1(un articolo di Stefano di Giuseppe) Successivo COMICS IN PILLS. PUNTATA#9 MARVEL ZOMBIES (un articolo di Stefano Di Giuseppe)