Synopsis.

Una bocca spalancata, senza denti, che sta per ingoiarti. L’immagine è deformata da un’inquadratura mossa, nervosa e i colori sono accesi, alterati, come in una specie di bad trip da acido. No, troppo classico. Cronache (in)fedeli del XXI secolo? Troppo autoriale. Un rifugio per letterati? Troppo Bertolucci. Ecco, ci sono: sinapsi, frammenti, esplosioni notturne di creatività. Sì, questo va bene, ecco cosa siamo: emisferi, lobi, gangli, solchi e cunette di un grosso cervello pulsante. E’ questo che siamo. E’ questo che troverete qui.

Pagina Facebook.

Precedente Recensione film "Dead Man" - (A cura di Nicola Iannibelli) Successivo Per critiche, suggerimenti o quel che vi pare.